Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X


Per sfogliare il giornale clicca sull'immagine


 
Connetti
Utente:

Password:



MUSICA

I 99 Posse presentano il nuovo album: 'Siamo cambiati'

Il nuovo disco Il tempo. Le parole. Il suono, è uscito il 22 aprile 2016, lo stesso giorno della prima tappa del tour che è partito da Firenze.

Redazione1
martedì 26 aprile 2016 12:53

99 Posse
99 Posse

I 99 Posse sono tornati e dicono di essere cambiati: "Prima di metterci a scrivere ci siamo chiesti: chi siamo e perché gridiamo? Questo disco parla di noi. Negli ultimi 25 anni abbiamo lavorato per la distruzione delle classi. Oggi le cose sono cambiate ma noi non ci tiriamo indietro. Parlare di identità è stato quasi naturale. Abbiamo preso coscienza di essere cambiati".

Anche problemi di tossicodipendenza di Luca fortunatamente sono ormai alle spalle: "Come Berlusconi ho dei precedenti, ma non mi sento simile a lui", dichiara il frontman del gruppo.

Il Tempo. Le Parole. Il Suono è un album composto da sedici canzoni che contengono collaborazioni importanti da Enzo Avitabile allo Stato Sociale, da Rocco Hunt a Valerio Jovine e ancora Mama Marjas, Andrea D'Alessio e Speaker Cenzou.

L'album precedente ha chiuso una fase storica per il gruppo, ma le nuove canzoni rappresentano la continuazione di Curre Curre Guagliò 2.0. "Venticinque anni insieme rappresentano un giacimento di ricchezza che va raccontato e messo a disposizione degli altri - confessa Luca -. Per anni abbiamo parlato alle teste dei compagni, oggi scriviamo canzoni di pancia, di istinto. È venuto anche per noi il momento di confrontarci con i temi della morte e della sconfitta, con la consapevolezza di essere minoritari. Va bene, perché sentiamo ancora qualcosa da esprimere".